Dal nettare al miele durante il raccolto estivo: che farsene dellʼacqua? – Ricerca

di Daniele Besomi

Molti apicoltori avranno certamente osservato che il primo melario che si mette al momento del raccolto si riempie molto più velocemente del secondo, e che il terzo è ancora più lento. Si potrebbe credere che le api
si stiano stancando, o che percepiscano un certo senso di ̔sazietàʼ al veder crescere le riserve disponibili. Potrebbe tuttavia esserci una spiegazione legata alla fisica della produzione del miele, come suggerito dalle registrazioni del peso di unʼalveare intento al raccolto.

Se ti è piaciuta la lettura di questa anteprima, abbonati per ricevere l’apis a casa!